Il gioco sapienteConcorso di architettura, Roma

Lopera è un grande archivio dellimmaginario, oltre novecento disegni (nati dallesperienza quotidiana di appuntare frammenti di realtà su un foglio) rappresentano virtualmente il mondo. E' una catalogazione ingenua, senza pretese, disinteressata, forse sentimentale.

Negli scaffali dellimmaginario ogni cosa ha un posto, ogni cosa ha valore. Le sculture sono forme ibride e indefinite rivestite da immagini che assumono nuove e autonome fisionomie.

Design Group:
Ottavio Amaro, Michele Seminara, Filomena Francesca Pastore, Marina Tornatora
Completion Date:
Luglio 2007
Credits:
Concorso Internazionale di progettazione in due gradi Meno è più 3.
Servizi e spazi pubblici in Roma
nei programmi di trasformazione urbanistica
di cui alla delibera di Consiglio Comunale n. 53 del 28.03.03 – Tor Marancia.

L’idea progettuale individua nel sito e nella sua morfologia a rilievo i contenuti insediativi e formali principali. Essa si caratterizza attraverso due condizioni specifiche di giacitura: lo scavo e  l’oggetto appoggiato – il meno e il più

Lo scavo ha dato origine ad una spazio interno all’aperto, di pertinenza dell’asilo, luogo per le attività libere strettamente integrato con l’inserimento dell’intervento artistico in un rapporto di reciproco scambio figurativo, simbolico e funzionale. La corte viene pensata come elemento strutturale del sistema scolastico, luogo di accoglienza e di coinvolgimento totale in una dimensione artistica incentrata sull’uso dei colori e delle forme tesi a ricostruire una realtà fantastica ed immaginaria.

tav1

Il progetto dell’opera nasce considerando che il bambino è il suo principale fruitore. L’opera vive della sua presenza e vuole coinvolgerlo quanto più possibile, una sorta di parco del sapere che ne stimola l’interazione e fa leva sulla sua curiosità.

Nell’atrio della corte il tappeto rigonfio è una biblioteca in espansione, le immagini elementari costituite solo da forme e colori sono gli elementi archiviati nella memoria dall’esperienza visiva. Il tappeto emerge sopra la struttura scolastica, divenendo una sorta di trampolino per gli occhi, nel suo centro tre nidi di colore sono i luoghi della prima esperienza.

TAV 5 Photography & Project by Innebo.com

Diversi oggetti di forma ibrida abitano la superficie, sono l’incrocio tra il giocattolo e il suo simile adulto. Una macchinina si deforma prospetticamente per dimensioni in una vera auto. Questi oggetti sono la tragica rappresentazione di un’inafferrabile conoscenza assoluta, così suscitano in chi le osserva quella costante curiosità che fa di ognuno di noi un eterno bambino.

ibridi Photography & Project by Innebo.com

 

TAV Photography & Project by Innebo.com